Blog updates

Latest news & updates
Orto di Casole

Il Sangiovese: l’oro nero dell’Appennino toscano

28 Dicembre 2018

Il Sangiovese è il vitigno più coltivato in Italia, con un picco di eccellenza sul territorio toscano dove con le sue uve si producono i vini toscani di maggior pregio e noti in tutto il mondo.

Il primo nome che viene in mente è indubbiamente quello del Chianti, ma l’arcinoto rosso delle colline del senese e del fiorentino non è l’unico luogo dove si producono vini toscani di altissimo valore; Doc e Docg sono presenti su tutto il territorio regionale con indicazioni geografiche tipiche ben precise.

Ma ciò che accomuna l’intera superficie regionale è la tipologia dei vitigni impiantati: il Sangiovese in Toscana copre oltre il 60% dell’intera superficie vitata.

Predilige i terreni collinari

L’origine del nome appare incerta ma potrebbe derivare da un monastero sul monte Giove, in Romagna, dove è più noto come Brunello, per via del suo caratteristico colore scuro.

È la spina dorsale appenninica a fornire all’intera penisola le condizioni ideali per il Sangiovese che si presenta su buona parte del territorio italiano, mentre è quasi completamente assente nel resto d’Europa.

Tra le sue caratteristiche peculiari vi è quella di avere un acino di forma ovoidale medio-grande di un caratteristico colore violaceo scuro, tendente al nero. Il colore scuro resta una caratteristica tipica del Sangiovese anche quando viene vinificato, conservandone i riflessi nei riflessi granata.

Il passaggio in botti o barrique arricchisce il sapore del Sangiovese con velature di vaniglia, caffè o cacao, molto apprezzate sul piano olfattivo quando sanno armonizzarsi con le fragranze di prugna che contiene il principale dei vini toscani.

Il podere Stebbi

Il Doc Terre di Casole del podere Stebbi risulta da una combinazione di Sangiovese (70%) e Sauvignon; vinificato in acciaio risulta essere un vino di ottima beva ideale per accompagnare i piatti tipici della cucina toscana.

Accanto a questa produzione il podere Stebbi produce anche una Riserva con uve selezionate e con percentuale ridotta di Sauvignon (non oltre il 10%); vinificato in barrique di legno in due passaggi, questa Riserva si distingue per la ricercata armonizzazione del gusto che lo rende particolarmente adatto ai piatti ed ai palati più fini.

Write a Comment