Blog updates

Latest news & updates
Orto di Casole

L’anima Etrusca, Romana e Medievale di Casole d’Elsa

1 dicembre 2018

Casole d’Elsa sorge su un territorio che ha conosciuto da sempre una forte presenza dell’uomo grazie ad una campagna che, ancor oggi, produce alcune delle eccellenze della Toscana e dell’Italia intera.

Sebbene la presenza di stanziamenti siano attestati sin dal Neolitico, è dall’età Etrusca che il corso del territorio di Casole d’Elsa ha svolto un ruolo decisamente cruciale per le sorti dell’Italia centrale.

La vicinanza con Volterra, una delle prime dodici città etrusche, face in modo che il territorio assumesse un ruolo strategico per il controllo delle vie di comunicazione e del fiume Elsa. I potentati locali si trasformano ben presto in ville gentilizie che soltanto con l’avvento dell’epoca Romana lasciano gradualmente il posto ad un ceto medio composto da artigiani.

Si prepara così l’epoca Medievale la cui influenza sarà decisiva per Casole d’Elsa ed è facilmente riscontrabile ancor oggi nella Rocca; un fortilizio dove la quadrangolarità del suo impianto costituisce esempio di notevole particolarità.

Ancora una volta soggetta al dominio territoriale di Volterra, stavolta nell’autorità dei suoi Vescovi, Casole d’Elsa conserva ricordi di questo periodo nelle due torri circolari e in ampi tratti di cinta muraria del XII secolo.

Nel cuore della Toscana

Il territorio di Casole d’Elsa appare strategico per visitare agevolmente buona parte della Toscana, ritrovandosi di fatto nel mezzo del quadrilatero delle provincie di Pisa, Siena, Firenze e Grosseto.

Questa ubicazione del suo territorio l’ha posta spesso nei contenziosi territoriali delle provincie in lotta tra loro, risultando ancora strategica anche per gli avvenimenti della Seconda guerra mondiale: pesantemente bombardata, la popolazione di Casole d’Elsa trovò rifugio nei campi, dove si operò per la Resistenza.

Crocevia di culture di provincie diverse dunque, che si traducono oggi nella capacità di condensare le tradizioni culturali e culinarie delle quattro provincie toscane.

Write a Comment